Weconomy

La piattaforma di ricerca Logotel dedicata all’economia collaborativa.
Un network internazionale aperto al confronto e alla collaborazione tra aziende.

Weconomy

Logotel's research platform focused on collaborative economy.
An international network open to exchange and collaboration among companies.

Celui qui divise perd, celui qui partage gagne

Depuis 2010 la plateforme culturelle dédiée à l'innovation collaborative. Un écosystème ouvert à la comparaison et à la collaboration entre les entreprises. Rigoureusement 'Made in logotel' Ici une sélection d'articles, tous les autres sur www.weconomy.it.

Nuove specie di collaborazioni?

Nuove specie di collaborazioni? 30 Marzo 2017

In anteprima un estratto dell'articolo della nostra Strategist e Manager of Design Logotel, Cristina Favini, che introduce i temi legati all’uscita del quaderno #11.

Nuove specie di collaborazioni?

Weconomy 11 è uscito!
Siamo alla lettera Q di “Quid novi? Generazioni che collaborano”: il quaderno sarà presentato in anteprima durante la Milan Design Week e sarà disponibile dalla prossima settimana sul sito di Weconomy.

Ecco un estratto dell'editoriale che tradizionalmente apre e introduce i temi e i tratti salienti del quaderno. 

 

Classe ’74. Sono della Generazione della Transizione. Il nostro X factor è quello di essere consapevoli del passaggio travivere in un mondo analogico e esistere in un mondo dove analogico e digitale sono la realtà. Leggo la posta da Outlook, difficilmente dal cloud e sono ancora resistente a usare Whatsapp come strumento di lavoro. Per i tecnici sono una immigrata digitale, per i miei figli, classici prodotti della Generazione Z, semplicemente “lenta”. Lavoro nel qui ed ora, ma sono molto orientata al futuro.

Perché racconto questo? Perché ogni volta che proviamo a inquadrare una tematica sfuggevole com’è quella del capirci meglio come persone, e del capire meglio le persone con cui e per cui lavoriamo, il rischio è la scelta di un solo punto di vista. Ora mi spiego meglio (forse). Le generazioni sono sempre esistite, solo che ora ne leggiamo la complessità e ci troviamo ad affrontare dei “divari” culturali ampi che, vista la velocità del cambiamento, sentiamo più di prima. Fuori camminano e si incontrano in metropolitana 6 generazioni diverse (o 5 se ne accorpiamo un paio): quella della Ricostruzione (nati tra il ’26 e il ’45), i Baby Boomer, divisi in Generazione dell’Impegno (nati tra il ’46 e il ’55) e Generazione dell’Identità (nati tra il ’56 e il ’65), la Generazione di Transizione, o Generazione X (nati tra il ’66 e il 1980) e la famosa Generazione del Millennio, detta anche Millennials o Generazione Y (nati tra il 1981 e il ’95). Per ultima abbiamo la Generazione delle Reti o Generazione Z (nati dopo il ’96). Dentro le Imprese oggi se ne contano solo 4 ma fra poco aumenteranno, complice l’innalzamento dell’età pensionabile e l’aumento del tempo di vita medio.

Per continuare a leggere l'articolo, vai su weconomy.it

 

SCROLL TO TOP