Weconomy

La piattaforma di ricerca Logotel dedicata all’economia collaborativa.
Un network internazionale aperto al confronto e alla collaborazione tra aziende.

Weconomy

Logotel's research platform focused on collaborative economy.
An international network open to exchange and collaboration among companies.

Celui qui divise perd, celui qui partage gagne

Depuis 2010 la plateforme culturelle dédiée à l'innovation collaborative. Un écosystème ouvert à la comparaison et à la collaboration entre les entreprises. Rigoureusement 'Made in logotel' Ici une sélection d'articles, tous les autres sur www.weconomy.it.

Kill Skill, il nuovo quaderno Weconomy

Kill Skill, il nuovo quaderno Weconomy 14 Gennaio 2019

Le competenze del futuro non esistono. L’ultimo quaderno Weconomy, a cura di Logotel, è in edicola con il numero di gennaio-febbraio di Harvard Business Review Italia e online su weconomy.it

Kill Skill, il nuovo quaderno Weconomy

È sufficiente acquisire nuove abilità?
Che cosa motiva le persone a imparare?

Negli ultimi anni, in un mondo del lavoro che sta cambiando sempre più in fretta, si sono moltiplicati gli elenchi di skill “a prova di futuro”: liste di competenze che – in teoria – preparerebbero le persone ad affrontare le sfide del mercato. Ma in realtà le skill acquisite invecchiano e, se non esercitate, si dimenticano. 

Il Quaderno #13 di Weconomy, il progetto culturale di Logotel dedicato all'innovazione collaborativa, parte da un gioco di parole con Kill Bill di Quentin Tarantino per arrivare a “uccidere le competenze”…
O quasi: Kill Skill – Un non catalogo di competenze.
Come mai? Perché concentrarsi su skill come problem solving o digital literacy è una prospettiva limitante. I rischi: la promozione implicita di forme di apprendimento spersonalizzate, che trascurano i talenti individuali ed eludono la capacità di auto-organizzarsi delle imprese.

Cosa fare dunque?
Persone e organizzazioni hanno bisogno di riscoprire “l’arte di pensare”, di far parte di un ecosistema in grado di valorizzare i talenti e creare una cultura fertile nelle organizzazioni.
Perché quando si parla di skill, in realtà si parla di sviluppo delle persone e di nuove modalità di lavoro e questo coinvolge la strategia aziendale.

Il Quaderno #13 è composto da due macro-sezioni:
1.Reskill, Deskill e Upskill: un’introduzione esplorativa in cui vengono descritti i cambiamenti nel mondo delle competenze e di come le skill obsolete debbano essere abbandonate (deskilling) e quelle già acquisite aggiornate (reskilling) e potenziate (upskilling).

2. Skills in action: la sezione che illustra il nuovo modello sviluppato da Weconomy, che delinea un ecosistema dove le skill si trasformano in comportamenti.

Il modello, nato dal confronto del know-how di Logotel con numerosi esperti si basa su quattro attivatori: attitudine, motivazione, permesso e opportunità. Sono elementi imprescindibili per sviluppare nuove abilità in relazione al contesto di cui si fa parte, per mantenere vive le competenze già acquisite e perché le persone possano continuare a essere rilevanti nelle organizzazioni e per la società.

Da Londra a San Francisco, passando per Davos, il Quaderno #13 affronta il tema delle skill con la collaborazione di ricercatori di fama internazionale come il World Economic Forum oltre che di psicologi, designer e imprenditori, responsabili HR ed esperti in modelli di apprendimento.

“Kill Skill”, disponibile per il download sul sito di Weconomy, è distribuito con il numero di gennaio-febbraio 2019 di Harvard Business Review Italia.

 

 

SCROLL TO TOP