Weconomy

La piattaforma di ricerca Logotel dedicata all’economia collaborativa.
Un network internazionale aperto al confronto e alla collaborazione tra aziende.

Weconomy

Logotel's research platform focused on collaborative economy.
An international network open to exchange and collaboration among companies.

Celui qui divise perd, celui qui partage gagne

Depuis 2010 la plateforme culturelle dédiée à l'innovation collaborative. Un écosystème ouvert à la comparaison et à la collaboration entre les entreprises. Rigoureusement 'Made in logotel' Ici une sélection d'articles, tous les autres sur www.weconomy.it.

Ipse dixit - Il punto è l'interpretazione

Ipse dixit - Il punto è l'interpretazione 16 Giugno 2017

Interpretazione, rapporto con l’esperienza e impatto. Questi i temi che Simone Colombo, Senior Social & Business Community Manager presso Logotel, affronta parlando di millennial e di scambi intergenerazionali. Scopri di più su Weconomy.

Ipse dixit - Il punto è l'interpretazione

“Che superficiali! Non sanno andare in profondità come noi”.
Scommetto che molti, lavorando con persone più giovani, avranno detto o sentito questa frase. L’attenzione verso l’incontro inter-generazionale è globale. Cerca #millennials o #generationZ o #intergeneration. Puoi trovare i risultati del Bureau of Labor Statistics, uno studio della Oxford Economics, l’opinione del presidente della SAP SuccessFactor (sì, proprio il colosso del software tedesco), un report Gallup, un’intervista a Simon Sinek (il guru del “know why”). Persino un tweet di Leah Nadeau, artista 25enne di San Francisco che ci dice di stare all’erta perché, presidente Trump o no, i Millenial conquisteranno il mondo. Pare peraltro che se avessero votato solo gli under 35 non ci sarebbero stati né Brexit né Trump. O è più significativa una lettura geografica di questi voti con la categoria a noi più vicina della contrapposizione “città” e “campagna”?

Ma torniamo al luogo comune della superficialità. Penso a colleghi e Clienti più giovani con cui lavoro (molti) e ai miei familiari under 35 (meno). Penso alla Degrassi Next Class o a Josh di Please Like me (entrambi su Netflix). “I’m googling it”. Se non sai qualcosa cercalo. È la prima generazione a essere entrata nell’adolescenza con accesso istantaneo praticamente a ogni informazione. Ma sapere e comprendere sono cose ben diverse: il problema è l’interpretazione. La trasposizione nell’esperienza. Il racconto che trasforma quello che ho appena letto in una conoscenza e in una “skill”. Ed è per questo che quando racconti cos’hai imparato in 20 anni di lavoro, dando una chiave di lettura, scatta quel processo di fiducia che dà valore alle relazioni.

È davvero così diverso rispetto a quanto accadeva tra me e mio padre?

Per continuare a leggere l'articolo, vai su weconomy.it

 

SCROLL TO TOP