Logotel collabora a ridisegnare il TEDx in digitale: la sfida degli eventi “con personalità”

Logotel collabora a ridisegnare il TEDx in digitale: la sfida degli eventi “con personalità” 26 Maggio 2020

Un sistema di lavoro fatto di workshop e momenti di co-progettazione, per preservare atmosfera e potenza emotiva in una nuova experience digitale

 

Logotel collabora a ridisegnare il TEDx in digitale: la sfida degli eventi “con personalità”

Il settore degli eventi è uno dei numerosi ambiti sui quali il Covid-19 ha avuto un impatto disruptive, costringendolo, di fatto, a una repentina trasformazione. Una delle conseguenze più visibili nel settore è che la maggior parte degli eventi fisici pubblici, aziendali o privati – liberi o a pagamento – è stata in poco tempo surrogata da modalità a distanza quasi sempre mediata da tecnologie video. Facendo di necessità virtù sono nati così nuovi formati – o meglio se ne sono diffusi a macchia d’olio di già esistenti da tempo - che si rivelano particolarmente efficaci ed efficienti nella trasmissione di informazioni uno (o pochi) a molti. Nella maggior parte dei casi, nulla da obiettare: si tratta esattamente di quello che serve e si può fare.

Co-progettare un evento digitale su misura, tra interazioni digitali e valorizzazione della personalità

Come comportarsi però quando l'evento di cui si parla ha una tradizione e delle modalità di svolgimento tali – ovvero una personalità i – per cui occorre, prima ancora che garantire la continuità di svolgimento, preservarne la forte identità? Questa è l’ambiziosa sfida che Logotel ha intrapreso con gli amici di TEDxReggioEmilia: conciliare l’atmosfera, il fascino e la potenza emotiva della formula vincente radicata a livello planetario del TED con le necessità imposte dalle restrizioni sociali del Covid-19.

Missione impossibile?

Sicuramente sì, se si lavorasse secondo gli schemi classici di organizzazione di eventi, ma potenzialmente raggiungibile se si parte dal tipo di impatto che l’esperienza vogliamo che abbia sul pubblico. Con gli organizzatori di TEDxReggioEmilia, e il benestare della meta-organizzazione TED internazionale, si è così impostato un sistema di lavoro che porterà a sperimentare modalità che, quasi sicuramente, sarà formalmente, interattivamente e tecnologicamente ben diversa da quella tradizionale del TEDx, ma che nelle intenzioni punterà a lasciare nei partecipanti un segno profondo almeno quanto le edizioni precedenti.

Raggiungere l’obiettivo con la collaborazione (digitale)

Per arrivare alla definizione di questo modello, alcuni experience designer di Logotel hanno iniziato un percorso collaborativo a distanza con l’organizzazione di TEDxReggioEmilia che prevede un forte coinvolgimento di volontari, partner/sponsor, speaker e soprattutto del pubblico. In previsione dell’evento clou che si terrà a ottobre, saranno organizzati workshop a distanza “fisica” – di matrice fortemente interattiva – che permetteranno non solo di modellare la formula del primo TEDxReggioEmilia, ma che, per la prima volta nella storia del TED, di abbattere le distanze “relazionali” tra pubblico, speaker, organizzazione e sponsor. L’applicazione delle logiche motivazionali di scambio di valore tipiche delle community professionali di Logotel e le modalità co-progettuali del Service Design saranno cardini di questo sistema di coinvolgimento.

Uscire dalla zona di comfort, per generare nuovo valore

Fatti salvi i valori fondanti dell’iniziativa e alcuni capisaldi irrinunciabili, primo tra tutti la presenza di speaker e contenuti di elevato valore, una delle scelte più coraggiose degli organizzatori del TEDxReggioEmilia è stata quella di mettere in discussione ogni altro elemento dell’esperienza futura del TEDx tra cui la gestione degli spazi fisici e digitali, le tempistiche, i modelli di interazione e, in generale, l’apertura a scenari fino a oggi non presi in considerazione.    

Il punto di vista di Daniele Cerra (Digital Innovation Officer, Logotel)

“Siamo di fronte a una sfida ardua ma molto stimolante: preservare lo spirito degli eventi TEDx, rispettare l’identità di un brand noto e consolidato a livello mondiale e rispondere in maniera efficace, efficiente e soprattutto coinvolgente per il pubblico, gli oratori, gli sponsor e gli organizzatori alle limitazioni sociali imposte dal Covid-19”.

Il punto di vista di Laura Credidio (Consulente Marketing, Licensee TEDxReggioEmilia)

“Partecipare all’organizzazione del TEDx mi ha permesso in questi anni di vedere in atto una magia, un’alchimia che amalgama l’energia degli spettatori, dei relatori, dei partner, dei volontari. L’adrenalina di chi deve parlare, l’attesa di chi ascolta e poi le storie che si intrecciano, le menti che elaborano idee e trasferiscono esperienze di altri nel proprio vissuto. Sarà questa la vera sfida, riuscire a trasferire in un nuovo modello di partecipazione le stesse energie ed emozioni che abbiamo vissuto insieme nelle edizioni precedenti. D’altronde, al di là dell’emergenza che stiamo vivendo e del conseguente necessario distanziamento sociale, l’innovazione nel diffondere idee di valore  e il superamento degli schemi consolidati di comunicazione è parte fondamentale del dna del TEDx e della sua community”.

 

 

 

 

SCROLL TO TOP