Ne(x)t community. (in)formare e motivare oltre 150 mila persone

Ne(x)t community. (in)formare e motivare oltre 150 mila persone 31 Marzo 2020

Non sono solo gli strumenti a dover cambiare, ma anche il modo di usarli. È una delle implicazioni del Nextworking.

Ne(x)t community. (in)formare e motivare oltre 150 mila persone

Il nextworking impatta anche sulle business community Logotel, che progettiamo e gestiamo da 19 anni e che oggi coinvolgono più di 150 mila persone in 14 Paesi. In queste settimane, in cui gli uffici diventano diffusi e le reti di vendita hanno bisogno di nuovi legami con il territorio, le business community si stanno rivelando ecosistemi proattivi, che rispondono e si adattano velocemente alle esigenze di contesto. Questo perché le community sono fatte di persone e per le persone e, se le condizioni intorno cambiano, si evolvono di conseguenza, diventando ne(x)t community. Ed eccone gli elementi portanti:

#vicinanza
per diffondere la voce dei brand, oltre gli spazi fisici
la Community è ora più che mai uno spazio e tempo per formazione, ascolto attivo e feedback dove attori diversi (call center, agenzie, manager) si riuniscono per comunicare ed essere aggiornati in modo tempestivo e diretto dalla voce del brand.

#evoluzione
per formare nuovi comportamenti
Davanti a nuovi e improvvisi bisogni (anche indefiniti e incerti) abbiamo fornito nuove risposte.
Abbiamo creato un modo di comunicare più agile per coinvolgere tutti: colleghi in smart working altri a lavoro che non hanno accesso alla intranet. Per questo abbiamo scelto di istituire un palinsesto di newsletter che formano, informano, supportano e raccolgono molteplici punti di vista, coinvolgendo gli stessi destinatari, facendoli diventare autori.

#formazione
per abilitare le persone

Stiamo creando e abbiamo realizzato nuovi format e contenuti per la formazione e le competenze del futuro. Siamo al lavoro per gestire – d’ora in poi e sempre più – riunioni a distanza, videoconferenze e webinar per consolidare nuove skills per venditori, manager, business developer.

#insight
per dare forma al futuro, insieme

Vogliamo, ora ancora di più, che le Business Community siano una casa «virtuale» che raccoglie e aggancia persone di ruoli, situazioni contrattuali, contesti e geografie diverse con informazione, formazione, engagement, gaming. Desideriamo creare momenti di riflessione per andare oltre la situazione attuale della singola Business Community e accendere spunti futuri su chi saremo e come lavoreremo domani.

#flow
Per accelerare la ripartenza
Le Business Community sono ambienti digitali e generano un flusso (in)formativo che si diffonde anche negli ambienti fisici (e nelle case delle persone). E così contribuiamo a creare “uffici diffusi” e generare coesione e motivazione nelle reti di vendita sul territorio, diffondendo contenuti e strategie commerciali. Per ripartire senza perdere il giusto ritmo.

Stiamo vivendo davvero cosa significa governance della rete, contatto, percezione del sentiment. Questo ci fa capire qual è la differenza sostanziale tra intranet e community, tra un social e una business community e ci permette di imparare a disegnare nuove soluzioni in tempo reale, che siano realmente necessarie e di impatto nel breve e nel lungo periodo.

Leave a comment

You are commenting as guest.

SCROLL TO TOP